Da oltre dieci anni Leader nel settore in provincia di Grosseto
La Fenice Costruzioni / News / Il Decreto Fiscale è legge, cosa cambierà per i professionisti?

IL DECRETO FISCALE È LEGGE, COSA CAMBIERÀ PER I PROFESSIONISTI?

Addio agli studi di settore, trasmissione trimestrale dei dati Iva, multe per errori in fattura e deducibilità delle spese di viaggio.

28/11/2016 – Il 24 novembre scorso il Senato ha approvato definitivamente il disegno di legge per la conversione del Decreto Fiscale (DL 193/2016).

Il testo approvato contiene numerosi provvedimenti ma solo alcuni interessano in maniera diretta i professionisti.

Studi di settore, cosa cambierà

Dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2017, il Ministro dell’Economia e delle Finanze individuerà, con un decreto ad-hoc, degli indici sintetici di affidabilità fiscale cui saranno collegati livelli premiali per i contribuenti più affidabili.

Le premialità consisteranno nell’esclusione o nella riduzione dei termini per gli accertamenti. L’obiettivo della misura è stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari, rafforzando la collaborazione tra l'Amministrazione finanziaria e i contribuenti.

Una volta definite le nuove regole, gli studi di settore così come li conosciamo, cesseranno di esistere. Tuttavia i dati delle fatture Iva dovranno essere obbligatoriamente comunicati all’Agenzia delle Entrate per via telematica ogni tre mesi.

Inoltre le partite IVA saranno chiuse d’ufficio, da parte dell’Agenzia delle Entrate, se inattive per tre anni.

Multe per errori nelle fatture

Gli errori nella comunicazione Iva telematica saranno puniti con una sanzione da 500 a 2.000 euro; in caso di errata trasmissione dei dati la sanzione sarà di 2 euro per fattura, per un massimo di 1.000 euro a trimestre.

Sarà però possibile dimezzare le multe correggendo l’errore entro 15 giorni.

Spese di trasferta dei professionisti
Le somme erogate a titolo di trasferta non saranno soggette a imposizione contributiva; non costituiranno quindi più compenso in natura per il professionista le spese di viaggio pagate direttamente dal cliente.

Inoltre diventeranno deducibili le spese sostenute in trasferta dai professionisti (prestazioni di viaggio e di trasporto).

Le critiche al Decreto fiscale

Il Decreto fiscale non è stato esente da critiche; per Confprofessioni (Confederazione italiana libere professioni) “il carico medio dei nuovi adempimenti su imprese e professionisti si attesterà sui 480 euro annui nel 2017 e sui 720 a partire dal 2018”.

Confprofessioni Lazio sottolinea che “rendendo trimestrali adempimenti oggi annuali si inflaziona ancora di più un calendario già affollato di scadenze, si aumenta il peso della burocrazia a scapito delle semplificazioni e, infine, si introduce una ‘tassa occulta’ che paradossalmente grava su imprese e professionisti più dell’intero gettito previsto dalla manovra”.

Anche il Coordinamento Libere Associazioni Professionali (CoLAP) critica l’aumento della burocrazia per i professionisti; secondo Lugi Pessina, membro del direttivo CoLAP, “si passa da una comunicazione annuale a “n” comunicazioni periodiche, gravando il contribuente di ulteriori e ingiustificati oneri derivanti dall’adempimento.

Emiliana Alessandrucci, Presidente del CoLAP Nazionale ha dichiarato: “E’ una nuova tassa occulta. Una comunicazione, ci dicono i nostri Consulenti, può avere un costo variabile tra i dai 50 ai 70 euro, se la moltiplichiamo per 4 volte l’anno o per 12 possono diventare più di 200 euro e fino a quasi 1000 euro l’anno contro i 50 dell’anno precedente; costi che molti dei nostri professionisti non possono più permettersi di sostenere.”

FONTE EDILPORTALE.COM

Indietro
Richiedi un preventivo
Privacy
invia richiesta preventivo
Avanzamento
Grosseto - Via Prati/ via Settembrini
Grosseto - Piazza Esperanto
Grosseto - Via Udine
Feed Edilportale
©2015 LA FENICE COSTRUZIONI - Ristrutturazioni e costruzioni case e condomini
Realizzato da